giovedì, febbraio 05, 2009

Facebook: un mondo senza suicidi!

In gergo la cancellazione di un account Facebook viene chiamata “suicidio”, ed è sempre virtualmente possibile, dico virtualmente perché nella realtà non è proprio così.

Qualche settimana fa, dopo una breve esperienza in Facebook, ho deciso di cancellare il mio account, devo dire che mi sono fatto condizionare abbastanza da un articolo apparso su The Guardian, che potete trovare in italiano QUI.

Pochi minuti dopo la cancellazione mi arriva una email di Facebook con la quale mi confermano il completamento dell’operazione e mi avvertono gentilmente, che in qualsiasi momento posso “resuscitare” inserendo la mia login e password…

Beh la verità è che i miei dati non sono mai stati veramente cancellati, e ciò avviene proprio perché sono quelli che interessano a Facebook e non sono così stupidi da farli sparire in un secondo. E leggendo la loro politica privacy (piuttosto contorta e poco chiara) ti avvertono che: “Anche dopo la rimozione dei contenuti dal sito, questi potrebbero rimanere visibili nella cache o nelle pagine archiviate o se altri utenti hanno salvato o copiato tali contenuti“.

Tradotto significa: puoi suicidarti a ripetizione, ma la tua lista di amici, i tuoi gusti le tue foto, ecc… non spariranno mai!

Ovviamente chi ha qualche nozione in più riguardo la normativa in materia di tutela dei dati personali, storcerà il naso, ma signori miei questo è lo scenario attuale. I dati personali sono moneta liquida per queste aziende e noi inconsapevolmente li regaliamo ogni istante, storditi dalle cazzate che ci propinano.

Io per primo ne ho pagato le conseguenze, anche se avendo letto bene le i termini di utilizzo, mi sono visto bene da inserire alcunché, mi sono limitato esclusivamente ai campi obbligatori…almeno ho contenuto i danni.

da: http://www.leggeramente.it/2009/01/08/facebook-un-mondo-sensa-suicidi/


Nessun commento: