martedì, febbraio 07, 2006

Red Hat entra nel movimento “one laptop per child”


Red Hat collabora con il MIT Lab per fornire laptop da 100 dollari agli studenti delle nazioni

Red Hat ha annunciato l’ingresso nell’iniziativa One Laptop per Child (OLPC). Il progetto OLPC ha l’obiettivo di creare e distribuire laptop economici agli studenti dei paesi in via di sviluppo. Red Hat ha intenzione di guidare lo sviluppo del sistema operativo delle macchine OLPC. L’azienda prevede di collaborare anche con altre tematiche legate alla partecipazione alla comunità open source quali training, supporto, aggiornamenti, certificazioni e con l’integrazione di nuove tecnologie in futuro.
Red hat ha abbracciato il progetto quando Nicholas Negroponte ha espresso interesse a basare il laptop su software open source. Utilizzare una piattaforma open source è critico per il successo dell’iniziativa OLPC, sia per incoraggiare la partecipazione locale ai progetti software, sia per permettere agli studenti di personalizzare ed espandere le loro macchine a mano a mano che aumentano le loro esigenze e capacità.
Secondo il MIT Media Lab, la macchina da 100 dollari proposta sarà un laptop delle dimensioni di un libro di testo, dotato di un sistema basato su Linux con un display dual-mode. I laptop disporranno di accesso wireless a banda larga per lavorare in rete. I portatili integreranno innovative strutture di alimentazione – incluso wind-up – e saranno in grado di fare quasi tutto ciò che fanno i prodotti tradizionali, eccetto archiviare grandi quantità di dati.
Nicholas Negroponte discuterà dell’iniziativa OLPC e del ruolo di Red Hat in occasione del Red Hat Summit 2006 che si terrà a Nashville a giugno. Ulteriori informazioni sull’evento sono disponibili all’indirizzo www.redhat.com/promo/summit/.
Iniziato come progetto di ricerca presso il MIT Media Lab, e formalmente annunciata in occasione del World Economic Forum di Davos in Svizzera nel gennaio 2005, l’iniziativa OLPC è cresciuta e oggi comprende un gruppo di contribuenti che stanno collaborando per realizzare strumenti moderni per l’educazione dei bambini di tutto il mondo.

Nessun commento: